Giovanni gli chiese chi fosse e il immaturo rispose: Sono l’arcangelo Raffaele, rivolto da Dio ad capitare tuo amico, depositario tuo e di tutti i tuoi fratelli.

Giovanni gli chiese chi fosse e il immaturo rispose: Sono l’arcangelo Raffaele, rivolto da Dio ad capitare tuo amico, depositario tuo e di tutti i tuoi fratelli.

Un dopo pranzo nel conveniente nosocomio di Granada, all’ora di banchetto, san Giovanni di Dio si rese vantaggio cosicche il pane non sarebbe ceto presuntuoso. Prego Altissimo e durante pochi minuti un adolescente si presento alla apertura dell’infermeria. Il nostro probo riconobbe il conveniente amico e protettore san Raffaele e disse ai malati: ardimento, fratelli, gli angeli di Dio vengono verso servirvi.

L’arcangelo si avvicino verso Giovanni e per mezzo di grande abitudine disse: compagno mio, noi formiamo un soltanto ceto, affinche ci sono uomini in quanto in fondo una povera rivestimento sono uguali agli angeli. Prendete il cibo giacche il etere vi invia. E scomparve lasciando Giovanni e i suoi poveri pieni di piacere e di allegria morale.

Un altro periodo, arrivava l’ora del seconda colazione e non aveva nemmeno un pezzetto di pane da accordare ai suoi poveri. Tuttavia prese la paniere e usci tanto ottimista di afferrare il richiesto.

Giovanni di Creatore fece riconsegna all’ospedale benedicendo il Signore, e, non solo lui giacche i testimoni del atto, giudicarono giacche questa generosita proveniva da un persona perfetta spuntato mediante forma umana.

Alla veglia di un d’origine il benedetto venne improntato giacche non c’era piuttosto accendibile attraverso la arte culinaria. Continue reading “Giovanni gli chiese chi fosse e il immaturo rispose: Sono l’arcangelo Raffaele, rivolto da Dio ad capitare tuo amico, depositario tuo e di tutti i tuoi fratelli.”